Giacomo Margotti

Giacomo-Margottidon Giacomo Margotti

Fu sacerdote e giornalista come don Davide Albertario.

Nato a Sanremo nel 1823 – Morto a Torino nel 1887. Fu fondatore del “L’Armonia” e poi direttore del “l’Unità Cattolica“.

Don Giacomo Margotti nacque a Sanremo nel 1823. Durante i moti del 1847 fondò col vescovo di Ivrea, mons. Luigi Moreno, col teol. Guglielmo Audisio (più moderato del Margotti) e col marchese Gustavo Benso di Cavour, fratello di Camillo, L’Armonia della Religione con la Civiltà, che difendeva la natura cattolica dello Stato e denunciava gli errori liberali avversando quel giurisdizionalismo laicista e antipapale tipico del governo piemontese in quegli anni. Gli articoli della rivista provocarono le ire delle sette segrete e don Giacomo fu aggredito e ferito gravemente. Margotti fu anche arrestato per vilipendio alle istituzioni. Nel 1859, Cavour, suo nemico ma che aveva grande ammirazione per Margotti, soppresse il giornale. Don Giacomo ne riprese in seguito la pubblicazione sino al dicembre del 1863 quando, su consiglio di Pio IX, lasciò L’Armonia e si trasferì a Firenze. Qui fondò L’Unità cattolica, che diresse col vigore di sempre, sostituito poi da don de Töth e in seguito da don Cavallanti. Dopo il 20 settembre 1870, il giornale uscì listato a lutto sino alla firma del Concordato nel 1929. Margotti, che fu il padre della famosa espressione “nè eletti, né elettori” (il non expedit di Pio IX), scrisse anche una poderosa opera in sei volumi, Memorie per la storia dei nostri tempi, che i settari fecero poi sparire dalle biblioteche. Morì a Torino nel 1887.

 

 

Copyright © 2016 Centro Studi Davide Albertario